Vivere la Natura:

L'ambiente
lens

Inserisci un termine per iniziare la tua ricerca.

Querce secolari, terre sapientemente coltivate, casali di pietra e borghi ricchi di memorie, incorniciano questo angolo di confine della campagna marchigiana, un territorio dove l’uomo non è stato ingordo.

 

L'ambiente

Salendo al monte Montiego, si giunge nella riserva naturale ricca di orchidee selvatiche in cui vivono il cinghiale e il capriolo; qui il panorama spazia dal vicino monte Nerone alla gola del Furlo, dalle gobbe del Catria all'appennino di confine, dal monte Carpegna al Sasso Simone e Simoncello, fino alle balze di San Marino e al mare Adriatico.

 

Montagna, collina, pianura e fiume compongono il paesaggio di Urbania in gradevole armonia; dal bosco di latifoglia si distingue la rovere, che si mostra in file ordinate o con possenti querce solitarie.
Il fiume Metauro accompagna le vicende della valle: il suo corso lambisce ogni abitato e, dalle sorgenti all’Alpe della Luna, ospita piante medicinali e gamberi, varietà di insetti e uccelli acquatici; i pescatori frequentano il fiume, ricercando la trota e altri pesci; nel torrente Auro, sopra Borgo Pace, gorghe e cascate permettono rinfrescanti bagni estivi.

Sulle colline fino alla montagna appenninica sono tracciati numerosi sentieri percorribili a piedi, a cavallo o in mountain bike, fra cui la storica Strada del Duca collegata alla “Rete dei sentieri” della Comunità Montana.

E’ possibile il soggiorno nei tipici agriturismi e nell’Ostello San Martino - Bosco dei Folletti.

Il turismo ambientale trova a Urbania e nell’alta Valle del Metauro numerose opportunità.
La natura che caratterizza queste terre dà al visitatore la possibilità di fare importanti esperienze, tra queste in particolare la pesca di lago e di fiume, e raccolta di funghi che in numerosissime specie crescono spontanei nelle aree boschive. Ogni anno a Urbania nella suggestiva cornice del Palazzo Ducale in concomitanza con la Fiera di San Luca e delle Donne, a ottobre, il primo fine settimana dopo il giorno del Santo, si tiene la Mostra Micologica dei frutti e delle bacche di bosco